Archivio, Biblioteca, Museo Civico (A.B.M.C.)

 

GENESI

L'Archivio Biblioteca Museo Civico (A.B.M.C.), nacque con delibera del Consiglio Comunale n. 28 del 12 aprile 1976, come organismo unico ed indivisibile avente i seguenti fini:

  1. Dotare la città di un organismo comprendente un archivio, una biblioteca ed un museo civico, atto ad ospitare e ricevere in deposito documenti, pubblicazioni, oggetti d'arte e di artigianato, ricordi, etc., per la loro custodia e il loro utilizzo nel tempo come oggetto d'indagine
  2. Costituire e mantenere una raccolta completa, imparziale e viva sulla vita di Laterza nei secoli
  3. Essere centro coordinatore e promotore di ogni attività culturale di Laterza, per il suo sviluppo spirituale e civile, per la conoscenza e la valorizzazione della sua storia, delle opere artistiche e del suo territorio
  4. Varare un piano di politica organica di educazione permanente anche ad ausilio ed assistenza al sistema scolastico, idoneo a rimuovere gli ostacoli che limitano il diritto allo studio

All'interno dell'organismo Archivio, Biblioteca, Museo Civico (A.B.M.C.), la delibera del Consiglio Comunale prevedeva le seguenti Sezioni:

Archivio

  1. Archivio storico, per la raccolta di documenti in originale e in riproduzione (fotocopie, microfilm, etc.)
  2. Schedario iconografico per il catalogo dei beni culturali (archeologici, storici, artistici, naturalistici, ambientali etc.)
  3. Raccolta cartografica antica e moderna
  4. Nastroteca, per la raccolta dalla viva voce di espressioni popolari

Biblioteca

  1. Sezione scolastica, di ausilio e supporto alla scuola d'obbligo
  2. Cultura varia
  3. Specialistica locale
  4. Emeroteca
  5. Discoteca e nastroteca
  6. Filmoteca

Museo Civico

  1. Archeologico
  2. Ceramica di produzione locale e folklore
  3. Pinacoteca
  4. Scienze naturali (ambienti delle gravine)

 

SVILUPPO STORICO

Inizialmente, l'Archivio e la Biblioteca furono ubicati presso la Casa Comunale; successivamente la Biblioteca, con la gestione della locale Pro Loco, trovò sistemazione in Via Cristoforo Colombo 36, insieme all'archivio E.C.A. (Ente Comunale Assistenza). A seguito del terremoto del 23 novembre 1980 che danneggiò seriamente l'edificio comunale, si provvide a trasferire anche l'Archivio (Storico e di Deposito) in un'altra struttura situata in Via Matera 20.

Nel 1988, in virtù della L.R. n. 9/85, la Cooperativa "Lavoro e Progresso" di Laterza presentò un progetto di "Riordino dell'Archivio Storico e Biblioteca del Comune di Laterza".

Il progetto, di durata triennale, fu accolto dalla Regione Puglia ed avviato nella sua realizzazione dalla stessa Cooperativa nel mese di novembre 1989. Enorme fu il lavoro svolto dai giovani disoccupati della Cooperativa per recuperare, pulire e ordinare il patrimonio archivistico e librario dell'Archivio-Biblioteca, che fu sistemato in un antico palazzo in Piazza Vittorio Emanuele 97, nel pieno centro del paese. Terminato il progetto nel mese di novembre 1992, furono necessari altri 17 mesi di volontariato sociale da parte della Cooperativa perché Laterza avesse questo indispensabile servizio pubblico. Successivamente, con regolare gara di appalto, la Cooperativa "Lavoro e Progresso" si assicurò la gestione dell'Archivio-Biblioteca, con apertura ufficiale al pubblico avvenuta il 30 aprile 1994.

Attualmente l'A.B.M.C. è ubicato in una struttura multifunzionale denominata "Cittadella della Cultura", sita in Via Cesare Battisti 47, comprendente anche la sala per il Consiglio Comunale, il locale adibito a Coordinamento Didattico A.B.M.C., il Centro Polivalente Anziani e alcuni spazi per Associazioni di volontariato sociale.

 

ELEMENTI COSTITUTIVI

L'Archivio Storico conserva fonti preziosissime e custodisce documenti dell'Amministrazione Comunale antichi e moderni. Nel 1990, sotto la gestione della Cooperativa "Lavoro e Progresso", l'Archivio Storico e l'Archivio E.C.A , furono trasferiti in Piazza Vittorio Emanuele 97 e l'Archivio di Deposito in Via Porta Pia (quest'ultimo ritornò in seguito nella sua dimora originaria, con il restauro della Casa Comunale). Attualmente, l'Archivio Storico comprende documenti che vanno dal 1809 al 1970. Di notevole importanza sono anche gli Archivi Aggregati, così suddivisi:

  • CONCILIAZIONE (piccole cause e liti) dal 1813 al 2001
  • E.C.A. (Ente comunale assistenza) dal 1821 al 1977
  • CONSORZI STRADALI dal 1921 al 1965
  • ONMI (Opera Nazionale Maternità e Infanzia) dal 1928 al 1957
  • EX PATRONATO SCOLASTICO dal 1956 al 1978
  • ENTI MORALI dal 1900 al 1955
  • E.N.A.O.L.I. (Ente Nazionale Assistenza Orfani Lavoratori Italiani) dal 1961 al 1987

Recentemente, all'Archivio Storico è stato aggiunto anche l'Archivio di Deposito, comprendente Atti Amministrativi dal 1980 al 2007. La suddetta sistemazione si è resa necessaria per carenza di spazi presso la Casa Comunale che, attualmente, conserva solo gli Atti relativi all'Archivio Corrente.

La Biblioteca, nel rispetto delle prerogative previste da apposita normativa comunale, eroga servizi quali informazioni bibliografiche, consultazione in sede, prestito (a domicilio e interbibliotecario) consultazione di cataloghi sia cartacei che elettronici, promozione della lettura. È possibile visionare in sede periodici e riviste e si possono consultare la "Gazzetta Ufficiale", il "Bollettino Ufficiale della Regione Puglia" ed altri dispositivi di carattere legislativo.

 

PATRIMONIO

Archivio Storico: Documenti relativi al periodo 1809-1970.
Museo Didattico dell'Archeologia: n. 5 teche con reperti e materiale illustrativo.
Museo dei Padri e della Maiolica: n. 15 pannelli esplicativi.
Museo di Tradizioni Popolari e Folklore: n. 1 teca con materiale illustrativo.
Museo di Scienze Naturali (ambienti delle gravine): Pannelli esplicativi Oasi Lipu e Gravina di Laterza.
Biblioteca: Patrimonio documentale suddiviso in voci differenti.

  • Libro antico (monografie, bollettini, raccolte di codici e regolamenti): n. 140
  • Libro moderno (monografie, collane, opere enciclopediche): n. 8500 circa
  • Sezione Laterza (Autori e opere): n. 103
  • Sezione Unità d'Italia: n. 40
  • Sezione Ragazzi "Carlo Collodi": n. 409
  • Sezione "Nati per leggere": n. 64
  • Sezione Discoteca (dischi in vinile, audiocassette, cd audio): n. 500 circa
  • Sezione Filmteca (videocassette, dvd): n. 1000 circa
  • Sezione grafica (manifesti, fotografie, disegni etc.): n. 500 circa
  • Sezione riviste e periodici: n. 200 circa

 

SERVIZI

  • Servizio accoglienza e reference
  • Ricerca cartacea ed informatizzata
  • Servizio prestiti ed informazioni bibliografiche
  • Consultazione in sede di fonti archivistiche e di testi di specialistica locale
  • Servizio filmteca e discoteca con apparecchio tv, video e radioregistratore, lettore dvd, giradischi per dischi in vinile
  • Servizio mediateca con sala multimediale, postazioni informatizzate, amplificazione, schermo, videoproiettore e collegamento internet
  • Servizio di riproduzione e stampa di documenti di biblioteca
  • Allestimento sezioni museali
  • Allestimento sezioni tematiche
  • Attività di promozione della lettura
  • Progetto "Biblioteca per tutti" per utenti deprivati, svantaggiati e diversamente abili.

Gli utenti che frequentano giornalmente la Biblioteca sono circa 25, con esclusione delle visite guidate per scuole e gruppi di studio; è attivo il servizio prestiti con una concessione annua di circa 600 prestiti. Si riscontra l'esigenza di creare sezioni speciali nel campo dello spettacolo (cinema, teatro, musica) con il coinvolgimento dell'utenza in corsi di formazione e relative rappresentazioni.

All'interno della struttura sono presenti 2 postazioni di personal computer per operatori e 4 postazioni per i lettori, tutte con collegamento internet.

Dal 29 dicembre 2010, è operante l'attività di Coordinamento Didattico, curata in modo volontario e gratuito da un docente esperto, col compito di promuovere la curiosità e la motivazione autonoma, libera e consapevole alla Lettura e all'utilizzazione dei Servizi di Biblioteca e Museali. Le iniziative, rivolte al mondo della scuola in particolare e all'intera utenza in generale, mirano al raggiungimento degli obiettivi prefissati attraverso i seguenti elementi contestuali:

  1. La Lettura nei suoi diversi aspetti: fruizione, stimolazione, comunicazione, linguaggio, interdisciplinarità, interculturalità, occasione per il recupero di situazioni di svantaggio, precondizione per l'educazione permanente
  2. L'Offerta Formativa della Biblioteca Comunale, in relazione alle potenzialità del territorio: la Biblioteca incontra i Luoghi, le Arti, le Persone

L'attività ha vissuto il primo momento importante, in occasione della Cerimonia Celebrativa del 150° Anniversario dell'Unità d'Italia, svoltasi il 15 marzo 2011 presso la Cittadella della Cultura.

 

CATALOGO ONLINE

La Biblioteca ha il suo catalogo online. Collegandosi al sito bibliotecalaterza.altervista.org è possibile avere a portata di video i circa ottomila record bibliografici relativi al Libro Antico e al Libro Moderno e verificare la disponibilità del libro preferito, effettuando la ricerca per titolo, autore, argomento, collocazione.

La nuova catalogazione si affianca a quella già realizzata nel mese di Novembre 2012 con il catalogo online del Polo di Taranto "Bibljorete", polotaranto.tlm4.it/webopac e rende la Biblioteca ancora più ricca e competitiva sul piano della modernità e della tempestività della ricerca.

Di recente, dono stati attivati i contatti con la Mediateca Regionale Pugliese finalizzati alla possibilità di digitalizzare e catalogare il nostro patrimonio audiovisivo presso la Mediateca (vhs, dvd, cd audio e video, musicassette, dischi in vinile 45 e 33 giri, film in pellicola), all'accesso gratuito ai servizi digitali di MediaLibraryOnLine (e-book, musica, cinema, riviste, giornali on line) tramite iscrizione presso la nostra biblioteca e all’ organizzazione di mostre, convegni, laboratori audiovisuali e rassegne cinematografiche.

 

RIFERIMENTI

Direttore: Arcangelo Lapomarda (Responsabile Settore P.I. e Cultura - Comune di Laterza)

Operatore A.B.M.C.: Mimmo Giacoia (Cooperativa Lavoro e Progresso)

Coordinatore Didattico: Pietro Romano (Insegnante di Scuola Primaria - Volontario)

 

Il Museo Didattico dell'Archeologia fu inaugurato il 19 Ottobre 1997, a seguito di una ricca stagione di studi archeologici effettuati nel territorio laertino da gruppi di volontari, studiosi ed esperti di storia locale; lo scopo era quello di offrire agli utenti gli elementi necessari per risalire lungo le diramazioni della storia, non solo attraverso le tipologie dei manufatti, ma anche attraverso i dati sul territorio, le informazioni sugli altri musei archeologici e sulle cose e i luoghi connessi all'archeologia, predisponendo gli strumenti necessari per la costruzione di percorsi guidati innovativi ed ambiziosi.

Era un progetto rivolto all'intera comunità, ma destinato soprattutto al mondo della scuola; in questo senso, si svilupparono subito lezioni per gli insegnanti e visite guidate per le scolaresche, con l'obiettivo di far acquisire familiarità e dimestichezza con la storia non solo attraverso i libri e gli oggetti, ma anche con l'uso del computer, utilizzando percorsi virtuali e strumenti ipertestuali.

All'interno dell'A.B.M.C., all'epoca sito in Piazza Vittorio Emanuele, furono allestite cinque vetrine contenenti frammenti ceramici frammentati ed incoerenti, di scarso valore collezionistico, già presenti ed accatastati nei locali dell'A.B.M.C. ed utilizzabili solo per fini didattici; nella stessa sala fu predisposta la postazione informatica propedeutica all'effettuazione delle lezioni archeologiche. Attualmente, il servizio non è più attivo, ma è possibile reperire informazioni e notizie e visionare il materiale presente nelle vetrine, posizionate secondo il seguente ordine:

  • Vetrina #1 "LE EPOCHE DELL'ARCHEOLOGIA"
  • Vetrina #2 "IAPIGI, PEUCETI ED APULI"
  • Vetrina #3 "I FRAMMENTI CERAMICI"
  • Vetrina #4 "TRA PEUCETI E ROMANI"
  • Vetrina #5 "DAL MEDIOEVO ALL'EPOCA MODERNA"

Il Museo così composto contiene materiali le cui origini spaziano dal VII a.C. al XIX secolo.

Il Museo dei Padri e della Maiolica nacque nel periodo Febbraio 1998 - Giugno 1999, nell'ambito degli interventi previsti all'interno del progetto LEADER II “Murgia Tarantina”, destinati ai Comuni del Consorzio G.A.L. della Murgia Tarantina, comprendente anche il Comune di Laterza.

La struttura fu realizzata con un progetto di adeguamento tecnico-funzionale dell'Istituto d'Arte sito in via della Conciliazione. Il Museo fu inaugurato con la Cerimonia del 16 Maggio 2003, inserita all'interno della Mostra “La Ceramica: 4000 Anni di Storia”, organizzata dal Comune di Laterza, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica della Puglia.

I pannelli esplicativi della Mostra, recentemente sistemati all'interno della Cittadella della Cultura, coprono un arco di tempo che va dal 2000 a.c. (Civiltà Eneolitica di Laterza) ad oggi e rappresentano uno spaccato di notevole interesse storico ed artistico, in relazione alle diverse epoche e tipologie della ceramica e della maiolica laertina.

I pannelli sono sistemati secondo il seguente ordine:

  1. Le Gravine dell'arco Jonico-Tarantino.
  2. Il Neolitico:
    • La capanna Neolitica
    • Le attività del Neolitico
    • Il villaggio Neolitico di Fragennaro
  3. L’Età del Rame
  4. La necropoli Eneolitica di Laterza
  5. Repertorio decorativo della Maiolica di Laterza
  6. Analisi archeometiche: argilla e biscotti
  7. Analisi archeometriche: smalti e colori
  8. Morfologie della Maiolica di Laterza
  9. Dalla Cava alla Fornace
  10. Maestri Faenzari e Figuli a Laterza dal 1500 ad oggi (A/L)
  11. Maestri Faenzari e Figuli a Laterza dal 1500 ad oggi (M/Z)

La Teca dell'Unità d'Italia comprende il materiale predisposto in occasione della Cerimonia Celebrativa del 150° Anniversario dell'avvenimento, svoltasi il 15 Marzo 2011 presso la Cittadella della Cultura. Oltre ai documenti presentati per la circostanza dai relatori e dai rappresentanti delle scuole intervenute, all'interno della Teca sono presenti libri, riviste, fascicoli monotematici, dvd, cd rom, cd musicali, fotografie, locandine, materiali di studio, al momento utilizzabili solo per la visione e la consultazione in Biblioteca.

La documentazione è completata da alcuni cartelloni, preparati dalle scuole e sistemati sulle pareti della Cittadella della Cultura, insieme al Manifesto della Cerimonia e al Logo Ufficiale dell'evento.

 

ORARI DI APERTURA

Periodo 15 settembre - 15 giugno
dal lunedì al sabato: dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 17:30 alle 20:30

Periodo 16 giugno - 14 settembre
dal lunedì al sabato: dalle 09:00 alle 13,00 e dalle 18:00 alle 21:00

 

INFORMAZIONI

A.B.M.C.
Via Cesare Battisti, 47 - Tel.: +39 099 829 6327

Comune di LATERZA
Piazza Plebiscito, 1 - Tel.: +39 099 829 7931

Sito web: www.comune.laterza.ta.it
E-mail: biblioteca@comune.laterza.ta.it

Il Quotidiano della PA