La fontana medioevale

 

«(…) L'acqua è buona, fresca, leggermente molle e dolce (…)» Così Luigi Galli, nel 1940, descrive l'acqua della Fontana Cinquecentesca di Laterza.

Risistemata nel 1544 dal Marchese Pietro Antonio D'Azzia, così come riporta lo stemma posto in facciata, conserva ancora memorie di un passato romano. Nelle calde sere d'estate, sotto la protezione del severo sguardo dei mascheroni apotropaici, è ancora possibile trovare refrigerio tra i suoi vasconi.

 

Testi a cura di: Chiave di volta società cooperativa

 

Eventi in Agenda

Il Quotidiano della PA