Piano Pubblica Illuminazione

L’Amministrazione Comunale di Laterza, nell’ottica della riduzione della spesa imposta dalla politica del governo e in accordo con le indicazioni del MISE, ha orientato l’azione amministrativa dando priorità a investimenti che consentano un risparmio economico, come l’efficientamento dell’illuminazione pubblica.

Il servizio di pubblica illuminazione svolge un ruolo essenziale per la vita cittadina poiché persegue le seguenti importanti funzionalità:

  • miglioramento del confort visivo e maggiore fruibilità degli spazi, sia delle infrastrutture che degli spazi urbani secondo i criteri di destinazione urbanistica 
(sulle 8.760 ore annue, ve ne sono in media circa 4.200 che sono considerate "notturne" con diverse necessità di luce artificiale, che è fornita dagli impianti di illuminazione pubblica);
  • aumento della qualità della vita sociale con l’incentivazione delle attività serali
(con una adeguata illuminazione pubblica è possibile favorire il prolungamento, oltre il tramonto, delle attività commerciali e di intrattenimento all’aperto);
  • valorizzazione dei beni ambientali e del patrimonio storico e architettonico oltre paesaggistico
(un impianto di illuminazione pubblica, adeguatamente dimensionato in intensità luminosa e resa cromatica, è di supporto alla valorizzazione e al miglior godimento delle strutture architettoniche e monumentali);
  • sicurezza fisica e psicologica alle persone
 (da sempre, l’illuminazione pubblica ha avuto la funzione di "vedere" e di "farsi vedere" e pertanto di acquisire un maggior senso di sicurezza che oggi è inteso come un deterrente alle aggressioni);
  • sicurezza per il traffico veicolare al fine di evitare incidenti
(la perdita di informazioni sul tragitto e sulla segnaletica in genere provoca la distrazione che può causare incidenti pericolosi: per assicurare i valori di illuminamento minimi di sicurezza sulle strade con traffico veicolare, misto, residenziale, pedonale, a verde pubblico, etc... sono state emanate apposite norme che fissano i livelli di luminanza e di illuminamento in funzione della classificazione dell’area da illuminare);
  • contenimento dell’inquinamento luminoso e salvaguardia ambientale del territorio Comunale;

L’intervento che riguarda tutta l’area comunale si pone come obiettivi primari e cogenti le seguenti offerte:

  • adeguamento alla legge regionale n.15 del 2005 e successivo regolamento di attuazione, finalizzata non solo al contenimento dell’inquinamento luminoso, ma ad una pianificazione per il miglioramento delle prestazioni rese dagli impianti di illuminazione pubblica al fine di riqualificare lo standard ambientale
  • adeguamento alla norma tecnica e la messa in sicurezza dell’impianto di pubblica illuminazione
  • miglior servizio sulle strade e nel contempo migliore efficienza gestionale
  • risparmi energetici e riduzione dei costi di gestione e esercizio, attraverso un monitoraggio degli impianti in modo da individuare fenomeni in itinere allo scopo di programmare gli interventi che scongiurano il rischio di guasti
  • costi di intervento limitati con tempi di ritorno finanziario accettabili
  • mantenimento della uniformità di illuminamento per migliorare non solo la viabilità ma 
anche la sicurezza delle persone
  • valorizzazione del territorio

Sotto il profilo strettamente economico bisogna considerare che i costi attualmente sostenuti dall’Amministrazione Comunale si riferiscono al canone relativo al consumo energetico e al costo di manutenzione ordinaria e straordinaria.

La semplice sostituzione dei soli corpi illuminanti con lampade di ultima generazione comporta sicuramente una riduzione considerevole del consumo energetico, con una altrettanta elevata riduzione dei costi relativi alla manutenzione. 
Affidando questa sostituzione ad un soggetto terzo finanziatore, tale risparmio per il Comune di Laterza si traduce in un duplice vantaggio:

  • riduzione della spesa (somma del canone di consumo energetico e della manutenzione)
  • eliminazione di una serie di obblighi derivanti dalla gestione dell’impianto di IP, della sua messa a norma, del suo adeguamento alle normative vigenti e del mantenimento della sua efficienza
(oneri a carico totalmente al Gestore o Terzo Finanziatore)

Attualmente, il parco lampade comunale è pari a 2.536 organi illuminanti, totalmente di proprietà comunale e interamente derivati dalla rete di ENEL Distribuzione SpA.
 L’intero impianto di illuminazione pubblica è costituito inoltre da 33 quadri elettrici di comando e sezionamento (erroneamente definiti “cabine” e/o “armadi”).

Per ammodernare e mettere a norma l’impianto esistente e per il soddisfacimento dei requisiti di risparmio energetico vengono proposti i seguenti interventi:

  • sostituzione delle sorgenti luminose
  • sostituzione e/o adeguamento delle armature
  • sostituzione e/o adeguamento dei sostegni ammalorati
  • interramento delle linee aeree esistenti
  • sostituzione delle linee interrate non idonee
  • sostituzione e/o adeguamento dei quadri elettrici
Documenti Allegati
6 documenti

Eventi in Agenda

Nessun evento previsto
Il Quotidiano della PA